La conquista del campanile

Una "leggenda metropolitana" racconta dei MUU, alle prese con la conquista "dell'ultimo miglio", ovvero,  l'ultimo tratto di spazio mancante ed indispansabile, per fare arrivare la linea dati alla residenza di CL, unico MUU rimasto isolato e fuori dal mondo web. La storia narra che in quel periodo ci fù un susseguirsi di prove ed esperimenti disperati e deludenti, con una spesa non indifferente in apparecchiarure ed antennoni dalla forma talmente fallica, da far venire un appetito devastante perfino alla donna più frigida del pianeta, e quel che è peggio è che questa febbre di spesa, contagiò anche il buon CL, noto taccagno e spilorcio, conosciuto in tutta la valle Canavesana e la Vallè. La situazione, quindi, cominciava a farsi molto critica, a questo punto non rimaneva che tentare l'ultima disperata prova, che richiedeva però un'impresa eroica, la conquista del campanile del "Principato di Alpette", questo per posizionare un antennino che facesse da ponte radio e permettesse di coprire quel maledetto "ultimo miglio". I prescelti per questa gloriosa operazione, furono Gibi ed il Dutur, che non esitarono ad accettare il rischioso incarico. Venne preparato un piano di attacco, un momento preciso per partire e un tempo massimo per eseguire l'operazione, tutto questo per non trovarsi in cima al campanile nel bel mezzo di una ...scampanata. In meno di 30 minuti l'operazione fù portata a termine, il campanile conquistato, l'antennino posizionato, tutto andò per il meglio, tranne un piccolo dettaglio: l'amico CL era ancora fuori copertura e l'ultimo miglio ancora scoperto.